Archivi categoria: Interrogazioni

Ortoparking

Sull’ortoparking ho presentato un’interrogazione al Sindaco in data 24 agosto 2010 e mi è stato risposto in data 7 settembre 2010. La risposta, preannunciatami nel Consiglio Comunale del 31 agosto 2010, consiste di due documenti: la copia del verbale di sopralluogo sottoscritto dall’ing. Luigi Bianchi, dal geom. Vinicio Ceccarelli e dal vigile urbano Claudia Giulianini, la descrizione dell’iter procedurale relativo all’opera firmato dall’ing. Luigi Bianchi.

Il Sindaco non ha aggiunto nessuna considerazione politica alle informazioni tecniche fornite dagli uffici.

Nei giorni in cui mi fu inviata la risposta del Sindaco non ho avuto l’opportunità di rendere pubblica la mia valutazione sulla risposta e lo faccio ora che l’argomento è tornato di attualità in seguito all’approvazione della delibera consiliare sulle alienazioni e in seguito agli articoli apparsi sul Tirreno di oggi 5 aprile. Continua la lettura di Ortoparking

Pale e affari si intrecciano

Incarico comunale affidato ad un esperto che collabora con un’azienda del vento

Più che girare, intrecciano ruoli, date, personaggi. All’ombra delle mini pale eoliche, ancora virtuali, ruotano da una parte l’assessore all’ambiente di Volterra Roberto Costa, dall’altra il professionista del Cnr Francesco Meneguzzo. Nel mezzo la società Scout che si occupa di impianti rinnovabili, un incarico affidato dall’amministrazione, un regolamento per le energie rinnovabili e tutta un’opposizione che vuole vederci chiaro.

Andiamo per ordine, con gli ultimi documenti che Il Tirreno è in grado di svelare. Il 16 luglio il professor Meneguzzo sottoscrive un accordo di collaborazione con la Scout. Il 15 ottobre è incaricato dal comune di Volterra di redigere il regolamento per le energie rinnovabili che ha poi consegnato il 31 gennaio. Intanto il 19 luglio è messo a punto un progetto con cui la Scout ipotizza di installare 4 mini torri del vento sulle proprietà del suocero dell’assessore all’ambiente Roberto Costa.

Continua la lettura di Pale e affari si intrecciano

Interrogazione al Sindaco sul caso Costa

Interrogazione al Sindaco presentata dalla Sinistra per Volterra sulle notizie di stampa circa un progetto di mini-eolico predisposto sui terreni di Montescuro e la predisposizione di un regolamento comunale sulle energie rinnovabili.

A seguito delle notizie giornalistiche pubblicate sulla cronaca locale del Tirreno e della Nazione, che chiamano in causa l’assessore Roberto Costa, il quale viene dichiarato collaboratore della Società Scout S.r.l. dal legale rappresentante della stessa Società e dopo smentito, chiedo al Sindaco:

  1. Se è a conoscenza di un progetto redatto dalle società Scout S.r.l. e Devices S.r.l. per la installazione di torri eoliche sul territorio di Volterra in località Montescuro. Continua la lettura di Interrogazione al Sindaco sul caso Costa

Ortoparking interrogazione al Sindaco

Oggetto: costruzione di un piazzale sterrato e di una strada di accesso al piazzale, diramazione Viale dei Filosofi lato Sant’Andrea.

Da molti mesi i cittadini di Volterra hanno visto realizzati i lavori di una nuova diramazione di viale dei Filosofi, lato Sant’Andrea, che porta, dopo una breve salita, ad un piazzale sterrato. Tutti hanno pensato che si trattasse di un nuovo parcheggio, magari che si trattasse dell’inizio dei lavori di quel famoso progetto di parcheggio da seicento posti auto previsto nell’area di Docciola, che quest’Amministrazione Comunale aveva messo nel suo programma elettorale e nel suo programma di legislatura.

Niente di tutto ciò. Personalmente ho preso informazioni presso l’ufficio Urbanistica del Comune e sono venuto a sapere che l’esecuzione di quei lavori non era stata autorizzata dall’Amministrazione Comunale e che, anzi, l’Ufficio Urbanistica aveva già provveduto a fare un sopralluogo, a redigere un verbale di contestazione dei lavori eseguiti, ad interrompere l’esecuzione dei lavori e ad ingiungere al proprietario il ripristino dell’area. Tutti possono vedere lo stato attuale dell’opera: sono terminati i lavori di apertura e sistemazione di un’ampia strada che porta ad un piazzale inghiaiato e ad un piccolo campo di sterpi con poche fila di piante di ulivo piccole e stente. Per aiutare una valutazione immediata allego alla presente interrogazione tre foto che ho scattato nell’area interessata. Sono rimasto soddisfatto della risposta dell’Ufficio Urbanistica Comunale, tuttavia sono trascorsi alcuni mesi da quella risposta e, a questo punto, sono obbligato a domandare al Sindaco, il quale ha assunto anche la gestione della materia urbanistica dopo il licenziamento dell’Assessore Fambrini, se l’Amministrazione Comunale ritiene che il ripristino dell’area sia stato già correttamente eseguito o se siamo ancora in attesa di una sua corretta esecuzione.

Volterra 24 agosto 2010

Danilo Cucini consigliere comunale La Sinistra per Volterra

INTERROGAZIONE AL SINDACO SUL DEGRADO DELLA ZONA DI VIA DI FONTANELLA

E’ sotto gli occhi di tutti la situazione di degrado dell’intera zona di via di Fontanella, intorno alle case popolari sgomberate perché pericolanti. Sono stato invitato da alcuni cittadini residenti in quella zona a portare il loro disagio all’attenzione del Sindaco e del Consiglio Comunale.

Tre palazzi sono disabitati dal 1997 e l’area circostante è recintata con una rete ormai vecchia e deteriorata. I palazzi pericolanti avrebbero dovuto già essere stati demoliti perché l’ATER , per ottenere l’autorizzazione comunale a costruire le nuove abitazioni in via Pisana, dove ha trasferito le famiglie rimaste senza casa, ha utilizzato i volumi di quei palazzi.

Dopo tredici anni, durante i quali non è stato fatto alcun intervento, sono iniziati i crolli spontanei. Infatti, su uno dei tre palazzi, quello più vicino alla strada di accesso, è franato un pezzo di tetto che è andato a finire sul primo terrazzo creando il pericolo di una crollo a catena degli altri terrazzi sottostanti. La recinzione non è sufficiente a contenere i detriti, con pericolo per le persone che passano e per le auto parcheggiate sul piazzale. Continua la lettura di INTERROGAZIONE AL SINDACO SUL DEGRADO DELLA ZONA DI VIA DI FONTANELLA

INTERROGAZIONE AL SINDACO E SUA RISPOSTA SU ALTAIR E URBANISTICA

Applicazione delle norme del Piano Strutturale e del Regolamento Urbanistico nella frazione di Saline di Volterra in rapporto alla presenza della fabbrica chimica ALTAIR.

Ho avuto notizia da alcuni cittadini e da alcuni studi professionali della frazione di Saline di Volterra che sarebbero sorte difficoltà nell’applicazione della normativa del Piano Strutturale e del Regolamento Urbanistico nella frazione di Saline.

I problemi deriverebbero dalla presenza, a Saline, della fabbrica chimica ALTAIR, considerata impianto a rischio di incidente rilevante  in base alla “Direttiva Severo II” e, per questo, non sarebbe possibile autorizzare nuove costruzioni per residenza nel raggio di 1200 metri dall’impianto. Continua la lettura di INTERROGAZIONE AL SINDACO E SUA RISPOSTA SU ALTAIR E URBANISTICA

INTERROGAZIONE AL SINDACO E SUA RISPOSTA SULLA VERTENZA SOLVAY

AL SIG. Sindaco di Volterra

In data 25 settembre 2009 il Consiglio Comunale ha approvato un ODG che “dà mandato al Sindaco di impegnare il Comune di Volterra affinché ricerchi adeguate forme di sostegno alle azioni intraprese dall’associazione WWF in favore del nostro territorio e per la difesa delle sue risorse.

Continua la lettura di INTERROGAZIONE AL SINDACO E SUA RISPOSTA SULLA VERTENZA SOLVAY

INTERROGAZIONE AL SINDACO E SUA RISPOSTA SUL PIANO STRUTTURALE

AL SIG. Sindaco di Volterra

In data 28 agosto 2009 il Sindaco ha comunicato al Consiglio Comunale che in data 12 agosto 2009 con proprio atto n°20 aveva nominato quale componente della Giunta Comunale di Volterra l’Arch. Francesco Fambrini quale assessore all’Urbanistica. In quell’occasione l’Assessore dichiarò che non aveva ancora un’opinione definita sui problemi urbanistici della città e che aveva intenzione di programmare una serie di incontri di natura tecnica e di natura politica per approfondire gli argomenti. Continua la lettura di INTERROGAZIONE AL SINDACO E SUA RISPOSTA SUL PIANO STRUTTURALE

Risposta alla lista civica

La funzione delle opposizioni consiliari è quella di fare proposte al Sindaco e di richiedere motivazioni sull’operato della maggioranza a garanzia per tutti i cittadini a che sia esercitato un controllo democratico sull’operato di chi governa.

A tutte le interrogazioni sinora poste in consiglio comunale dalle minoranze, non è mai stata data dal Sindaco  una risposta immediata (e chi ha sempre seguito i consigli comunali sa che è una novità), ma sempre rimandata per iscritto.

Viene spontaneo domandarci se il problema sta nella mancanza di opinioni da parte del Sindaco o se invece questo è necessario per avere il tempo di consultare qualcuno.

La richiesta di chiarimenti non nasce da un principio ideologico ma da una necessità di trasparenza.

La cosa si aggrava se al posto del Sindaco risponde per iscritto sulla Spalletta la lista civica che lo sostiene.

Nell’articolo “La nostra pagliuzza non è certo la vostra trave!”, non potendo dare una risposta sensata a quanto ufficialmente e legittimamente richiesto al Sindaco, riguardo alla nomina a consulente politico del sig. Orsi, si assiste ad uno sproloquio surreale circa le motivazioni addotte (fino a scomodare il diritto naturale, in assenza di leggi!), nonché intimidatorio nei toni usati, fino a tacciare di squadrismo chi legittimamente chiede spiegazioni.

I capogruppo Danilo Cucini e Rosa Dello Sbarba hanno sentito il bisogno di farsi ricevere dal Sindaco per avere rassicurazioni circa il loro diritto di porre domande, anche scomode e non gradite dalla maggioranza.

All’appuntamento il Sindaco le ha ricevute alla presenza dell’Assessore Moschi che ha affermato che la nomina l’aveva fatta lui stesso. Al che il Sindaco ha dichiarato di non aver altro da aggiungere se non che, per l’ennesima volta, risponderà per iscritto

Non servono strutture ideologiche per  sentir suonare un campanello di allarme di fronte a questi comportamenti e ai toni usati nell’articolo della lista civica.

Al di là del giudizio politico sulla precedente amministrazione, l’artificio di puntare il faro e sparare sugli avversari politici, cercando di delegittimarli come fossero dei nemici da colpire, quando presentano richieste volte a rendere trasparente l’operato della Pubblica Amministrazione, oltre a rappresentare un atteggiamento intimidatorio, meschino e violento, è un mezzo per nascondere limiti e lacune, oltreché mascherare l’evidente inadeguatezza a ricoprire compiti e ruoli istituzionali, che su tutto si fondano ma certamente non sul diritto naturale!

Invitiamo i lettori a riprendere l’articolo della lista civica, a concentrarsi nella lettura ed a scoprire quanto sia immediata la sensazione di trovarsi di fronte ad un manifesto di stampo fascista nel senso dell’autoritarismo e dell’intolleranza.

Lista Città aperta

Lista Sinistra per Volterra