Archivi del mese: luglio 2011

Resoconto del Consiglio Comunale dell’8 luglio 2011

Donazione pezzi storici di alabastro Bessi/Giglioli. Accettazione.

In realtà il Consiglio non ha deliberato l’accettazione della donazione, ma solo “di ritenere meritevole la proposta di donazione da parte dei coniugi Anna Rosa Bessi e Salvatore Giglioli ……”. Quindi un passaggio “informativo”. Sarà necessario un nuovo passaggio nel Consiglio Comunale quando gli atti saranno perfezionati. La Lista civica ha negato un emendamento proposto da Sonia Guarneri che impegnava la Giunta a comunicare al Consiglio le attività messe in atto per portare a compimento l’operazione (allestimento museo, valutazione delle opere, ecc). Per questo mi sono astenuto, insieme a Progetto Originario.

Continua la lettura di Resoconto del Consiglio Comunale dell’8 luglio 2011

Il Comune si “dimentica” la Liberazione di Volterra.

Nel Paese del sottosopra, può succedere anche questo; che l’Amministrazione Comunale di Volterra trascuri e non preveda nessun avvenimento, conferenza, commemorazione per ricordare la Liberazione della città avvenuta il 9 luglio del 1944. Confermando per l’ennesima volta la totale mancanza di rispetto verso i volterrani antifascisti e non, e la completa ignoranza, a questo punto temiamo voluta, di fatti e avvenimenti del nostro retaggio culturale, della nostra storia e del nostro vissuto. I cittadini volterrani non meritano questo atteggiamento Continua la lettura di Il Comune si “dimentica” la Liberazione di Volterra.

Risposta del funzionario comunale sull’asfalto di Citerna

Pubblico  la lettera che mi è stata inviata dal funzionario comunale in risposta alla mia segnalazione sull’asfaltatura della strada di Citerna verso il depuratore. Apprezzo l’impegno, tuttavia la mia segnalazione non si riferiva solo all’effetto negativo del colore nero dell’asfalto ma anche alla scelta di asfaltare in generale, con qualsiasi colore, le strade di campagna.

Danilo Cucini

 

 

 

Spett.li Capigruppo consiliari,

Egregio Sig. Sindaco,

Spett.le Dirigente del Settore,

 

il Servizio Urbanistica, Edilizia Privata e Ambiente del Comune di Volterra ha preso atto della segnalazione pervenuta da parte del capogruppo Danilo Cucini relativamente ai lavori eseguiti in loc. Citerna per la realizzazione della nuova strada di accesso all’area dove verrà costruito il Continua la lettura di Risposta del funzionario comunale sull’asfalto di Citerna

Il fotovoltaico a San Miniato

Le cose si complicano sempre di più per il sindaco Gabbanini e la sua giunta.

Fortunatamente la Provincia ha sospeso, anche se non cancellato, 8 impianti del fotovoltaico selvaggio cui il Comune di San Miniato si era inizialmente detto favorevole. E’una piccola vittoria della gente, dei comitati e di chi, come  noi, da sempre si batte per una gestione corretta e partecipata delle energie rinnovabili, il contrario di quanto avvenuto a San Miniato. Tuttavia le aziende proponenti hanno già annunciato ricorso al Tar, con una richiesta danni che sfiora i 2 milioni di euro, soldi che grazie ai pastrocchi del sindaco dovranno pagare i cittadini saminiatesi di tasca loro. Chissà perché, con questa giunta la gente continua a pagare, e alcuni continuano a guadagnare.

Continua la lettura di Il fotovoltaico a San Miniato

A.S.A. asfalta la campagna di Citerna

A.S.A. sta costruendo finalmente il secondo depuratore di Volterra in località “Villa”. Per l’accesso al depuratore è stato costruito il tracciato per una nuova strada nella campagna, a partire dalla via provinciale del Monte Volterrano appena sotto “Citerna”. L’impatto della nuova strada sul paesaggio delle argille volterrane mi è sembrato molto pesante, ma, considerata l’importanza, dal punto di vista civile e ambientale, dell’opera in costruzione, ho pensato che fosse necessario accettarlo. Ma non posso accettare che quella strada sia diventata un nastro di asfalto che si dipana nell’aperta campagna, Continua la lettura di A.S.A. asfalta la campagna di Citerna

Brutte sorprese al museo di Volterra

Dal Corriere della Sera del 7 luglio 2011

Francesca Pini

Urne cinerarie, bronzetti, specchi, crateri, bassorilievi. Gioielli dell’arte etrusca. Intorno linoleum e muri scrostati

MILANO – Avere dei tesori d’arte, non valorizzarli, anzi deprezzarli, è un giochetto che può costare caro al turismo culturale italiano. Nuoce molto dare un’immagine sgualcita del nostro (invidiato) patrimonio a chi dall’estero viene a visitare le città d’arte da Nord a Sud. E questo è proprio il caso di Volterra che, qualche giorno fa, accoglieva i moltissimi turisti inglesi, tedeschi, olandesi, francesi con un improvvido rifacimento del manto stradale della via che porta al centro (ma perché non fare questi lavori a marzo?). Poi una brutta sorpresa ce l’ha riservata il museo etrusco Guarnacci (uno dei più antichi musei pubblici d’Europa, sorto nel Settecento), dove sono esposti importanti reperti in un ambiente fatiscente e trasandato (con dita di polvere sopra le vetrinette), con un allestimento fermo a quarant’anni fa, salvo alcuni ambienti più “moderni”, decorati con pannelli color verde.

Continua la lettura di Brutte sorprese al museo di Volterra

Commemorazione della Strage di Guardistallo. Assente il Sindaco di Volterra

E’ stato notato che il Sindaco di Volterra non era presente e non aveva mandato nessuno a rappresentarlo a Guardistallo, suscitando indignazione nei partecipanti alla commemorazione della strage nazista ed in particolare nei cittadini volterrani presenti. E’  la prima volta che la città di Volterra non è stata presente con il suo gonfalone a questa cerimonia, durante la quale il Sindaco era solito deporre una corona alla memoria sul cippo di Sante Fantozzi.

Sante Fantozzi nato a Volterra nel 1914, caduto in combattimento a Guardistallo il 29 giugno 1944. Prese parte, col nome di battaglia di “Primula”, alla Resistenza in Toscana. Comandante di Battaglione e poi commissario politico della III Brigata volante Garibaldi (che dopo il suo sacrificio gli fu intitolata), cadde combattendo contro i nazifascisti. A lui fu intitolata la sezione volterrana del Partito Comunista Italiano di via San Lino e ora sede del PD.

Per una informazione completa sulla strage  questo è il link al sito del Comunedi Guardistallo: http://www.comuneguardistallo.pi.it/storia/eccidio