Un pensiero su “Proposta di variante al Regolamento Urbanistico

  1. caro Cucini,
    leggi e se non capisci richiedi…..

    art.86 (modifiche)

    il comma a) parla chiaramente di “piani interrati”
    come saprai i piani, perchè possano essere definiti “interrati”, devono essere totalmente entro terra ovvero tutti i lati al di sotto della quota del terreno, se così non fosse si chiamerebbero “seminterrati” ovvero con solo una parte entro terra.
    lo stesso comma ti dice che le scale esterne per accedere all’interno di questi piani devono essere interrate quindi totalmente al di sotto della quota del terreno.
    quindi riassumendo piano sotto la quota del terreno con scale di accesso totalmente al di sotto di questa quota.
    ma ora viene il bello….
    perchè gli “accessi carrabili e/o pedonali” possono avvenire “soltanto” e ripeto soltanto nei casi in cui la cosa possa essere realizzata senza modificare (alterare) le quote del terreno esistenti, si chiarisce inoltre che non sono ammesse rampe di accesso”
    ora mi sai dire come faccio ad accedere ad un piano sotto terra senza rampe e senza modificare le quote del terreno?
    e poi, dato che per realizzare le scale esterne scavo e quindi modifico le quote del terreno circostante , ma mi dici come faccio poi ad entrare se la stessa norma mi dice che se faccio questa operazione non posso poi aprire accessi pedonali?
    e infine una chicca….
    il comma a) parla di “accessi carrabili” ai piani interrati e il comma b) dice che nei piani interrati e anche seminterrati sono vietate le autorimesse, quindi ricapitolando posso fare accessi carrabili per accedere a locali che non posso adibire a autorimessa, ma allora perchè carrabili?

    spero comprenda la genialità dell’articolo scritto col cazzo per accontentare quattro geometri che anelano ad un affaccio sud con garage a bella vista.

    ciao e buon lavoro…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *