Archivi tag: sindaco

Gestione pubblica per il Santa Chiara!

Testo pubblicato sulla “Spalletta” il 21 gennaio 2012.

 

Le difficoltà economico-finanziarie dell’Azienda per i Servizi alla Persona Santa Chiara, e in particolare della gestione della struttura di ricovero (RSA), sono riassumibili in una perdita economica “strutturale”,  recentemente assestatasi intorno a una cifra di poco inferiore a 350mila euro annue (ma per il 2011si riduce a poco più di 100mila euro) e un disavanzo, dovuto prevalentemente al cumulo nel tempo delle perdite annue, di circa 1,2 milioni di euro.
Serve quindi un piano per azzerare le perdite e impedire che il patrimonio del Santa Chiara, ancora assai consistente, venga negli anni prosciugato per coprire le perdite.
Secondo la “Proposta di piano strategico” approvata a fine anno 2011 dal Consiglio d’Amministrazione e resa nota in questi giorni, le perdite dipendono “tanto da un volume di costi più elevato rispetto al mercato, quanto da una insufficiente ottimizzazione dei
ricavi”. Continua la lettura di Gestione pubblica per il Santa Chiara!

PRIVATIZZAZIONE DELLA CASA DI RIPOSO SANTA CHIARA

In dispregio della volontà popolare espressa con i referendum di giugno 2011 e anche in dispregio della razionalità e della ragionevolezza, vista la crisi capitalistica che ci sta rovinando, in molti ambienti politici vanno ancora di moda le privatizzazioni dei servizi pubblici locali. Ecco, infatti, che il consiglio d’amministrazione della RSA Santa Chiara nominato dal sindaco Buselli propone la privatizzazione della nostra Casa di Riposo.
E’, infatti, è la privatizzazione del servizio la  proposta contenuta nel documento approvato a fine anno da quel consiglio di amministrazione.

Continua la lettura di PRIVATIZZAZIONE DELLA CASA DI RIPOSO SANTA CHIARA

LA RIORGANIZZAZIONE DEL COMUNE DI VOLTERRA

Sotto le feste di Natale la giunta ha emanato l’ennesimo provvedimento di riorganizzazione del personale del Comune di Volterra. A mio parere il provvedimento per una parte è condivisibile, per la parte che taglia il vertice della piramide rinunciando alla dirigenza con un risparmio di spesa, scelta in gran parte obbligata dai tagli governativi. La parte non condivisibile, invece, riguarda il modo con cui sono stati disegnati gli otto settori, spesso più sull’esigenza di premiare le persone piuttosto che sulla rilevanza delle attività.

Continua la lettura di LA RIORGANIZZAZIONE DEL COMUNE DI VOLTERRA

I gruppi di minoranza scrivono al Prefetto

COMUNICATO STAMPA DEI GRUPPI

CITTA’ APERTA

PROGETTO ORIGINARIO

SINISTRA PER VOLTERRA

Il 19 Novembre 2011, congiuntamente, i tre gruppi di minoranza di Volterra hanno deciso di scrivere una lettera al Prefetto (che si inoltra per conoscenza) e inviano il seguente comunicato stampa a commento della gestione del Consiglio e della Conferenza dei Capigruppo che stanno nella responsabilità del Sindaco Buselli.

Continua la lettura di I gruppi di minoranza scrivono al Prefetto

«Informare i cittadini, un obbligo non una facoltà»

 

Il Tirreno 9 novembre 2011

Blackout della comunicazione al Tirreno, interviene il vertice dell’Ordine dei giornalisti

 

 

Il black out delle informazioni istituzionali nei confronti di una o più testate giornalistiche non è nella disponibilità di nessun sindaco.

Spiace dover ricordare al sindaco di Volterra Buselli e alla sua giunta che informare i cittadini riguardo alle attività istituzionali è un obbligo e non una facoltà.

Continua la lettura di «Informare i cittadini, un obbligo non una facoltà»

Black out dell’informazione al Tirreno

pubblico questo articolo di Francesca Suggi  che dà la dimensione della misera condizione del governo della città.

Il Tirreno 8 novembre 2011

FRANCESCA SUGGI

Il sindaco non ama le critiche e si rifiuta di informare i cittadini

Il blackout di notizie comincia il 13 ottobre. Da parte del sindaco Marco Buselli. Noi, anche se con qualche fatica in piu’, siamo riusciti comunque a raccontare la città di Volterra: informare è un dovere per chi fa il nostro mestiere e dovrebbe essere un diritto per i cittadini. “Dovrebbe”, se come in questo caso, viene messo a rischio proprio da chi gestisce la cosa pubblica. Ma andiamo con ordine, per spiegare ai nostri lettori.

Continua la lettura di Black out dell’informazione al Tirreno

Marco Costanzi fiduciario del Sindaco

Marco Buselli ha delegato il noto militante neo-fascista Marco Costanzi come suo fiduciario nell’assemblea dell’ATO 5. Ha dato la notizia in chiusura di seduta del consiglio comunale e si è sbrigato molto in fretta, forse perchè un pò di vergogna deve averla provata.

Ma la notizia non è passata inosservata in città e ora il sindaco alza la voce per dire:<< Anche in questo caso la trasversalità a cui si ispira il progetto civico è stata da me rispettata come cardine dell’agire politico>>.

Continua la lettura di Marco Costanzi fiduciario del Sindaco

Angelo Lippi – relazione su “manicomio e dintorni…..”

“Manicomio e dintorni: il ruolo della città nel riassetto sociale e culturale dopo il 1980″

17 settembre 2011- Volterra – inaugurazione/mostra fotografica/dibattito – Ostello della Gioventù- Chiosco delle Monache –

In clima di polemica, qualche riflessione. Appunti di Angelo Lippi

La memoria colorata e i numeri che la alimentano

Si continuano a declamare responsabilità politiche di amministratori, evidentemente cattivi anche di animo, oltreché come amministratori, per avere praticato logiche assistenziali non più basate sulla reclusione nei manicomi. E si favoleggia che, resistendo, avremmo potuto salvare un numero di posti di lavoro (1200), numero che non figura nei documenti pubblicati. E siccome nessuno è disposto a cambiare la propria idea, si può provare a mettere qualche punto fermo sul manicomio. Però, per onestà intellettuale, domandiamoci: come mai si sono voluti chiudere i manicomi in tutta Italia? E come mai a Volterra si cominciò a ridurre il numero dei ricoverati almeno 8 anni prima della legge Basaglia? E perché si dice (oggi) che nel manicomio si stava bene? (lo dicono tutti di tutti i manicomi!). E perché si considera il manicomio ben organizzato, ma si pensa che sarebbe adatto agli altri e non ai nostri figli o genitori?

Continua la lettura di Angelo Lippi – relazione su “manicomio e dintorni…..”

lettera del Dott. Arcadio Erlicher “Ospedale Niguarda”

Dott. Arcadio Erlicher

Direttore Dipartimento di Salute Mentale

A.O. “Ospedale Niguarda Ca’ Granda” – Milano

 

Gent. Colleghi, tra tante inutili mail che affliggono quotidianamente la mia casella postale, ho ritrovato questa lettera di Giorgio Pecorini, giornalista, che è stato per me un motivo di riflessione sulla mia attuale condizione professionale di ormai lungo corso nella psichiatria italiana. Ho pensato di offrirla anche alla vostra riflessione, per chi ne avrà voglia.

L’infelice uscita del Sindaco di Volterra ben rappresenta una concezione della sanità tutta orientata all’economicismo, come se la sfera dei diritti delle persone alla salute e a cure efficaci sia del tutto secondaria alle logiche economiche e piuttosto non debbano queste ultime contemperarsi con la priorità di questi diritti. Anche in tempi così difficili per il nostro paese.

Come quando si affronta una difficile ascesa in montagna, per rincuorarsi e riprendere vigore, ci si ferma un istante per guardare indietro il cammino fatto, credo sia altrettanto utile ricordare il percorso fatto dalla psichiatria italiana negli ultimi 40 anni, sia per chi ha avuto la fortuna di percorrerlo per intero sia, per chi, più giovane, ne ha avuto conoscenza prevalentemente dagli scritti e dalle narrazioni dei colleghi più anziani o dalle storie dei pazienti.

Per quanto mi concerne, ho inteso questa lettera come un richiamo all’impegno per continuare l’inesauribile percorso verso una psichiatria sempre più a misura della sofferenza delle persone in opposizone all’indifferenza, al conformismo, alla sfiducia verso il meglio.

Avverto, personalmente, la fortuna di operare in un contesto professionale, che mi sollecita continuamente, non mi lascia in pace, nel richiamarmi a un simile impegno. E di questo sono grato a ciascuno di voi.

A tutti, cordiali saluti,

 

F.to Arcadio Erlicher

 

Concetta Pellicanò ha scritto al Sindaco

Egregio Sig.Sindaco,

in seguito alle sue affermazioni sulla chiusura del manicomio di Volterra e associandomi alla lettera di risposta del giornalista Giorgio Pecorini, desidero raccontarle la mia storia e quella della mia famiglia.

Sono la vedova del Dott. Pellicanò ultimo Direttore del manicomio di Volterra che ebbe l’ impegno di chiudere il manicomio cioè la fabbrica della città, con la “perdita” come dice lei, di numerosi posti di lavoro.

Continua la lettura di Concetta Pellicanò ha scritto al Sindaco